Importante ritrovamento STORIA

Aggiornamento: 12 nov

Un oggetto molto interessante dal punto di vista storico per la Valle dei Mulini.


Colpevole o innocente, si può accusare un oggetto di aver provocato la chiusura di molti mulini ad acqua nel centro sud Italia tra cui quelli della nostra valle ??.


Questo aggeggio è un contagiri meccanico con 5 totalizzatori decimali e fu reso obbligatorio a seguito della famigerata legge sul macinato del 1868, quando il governo unitario obbligò l'installazione di questo contatore per tassare l'attività molitoria.




Contro ogni logica di buon senso serviva a conteggiare i giri della macina. Si pensava in questo modo di misurare la quantità di prodotto che ogni mulino produceva.


L'applicazione di questa legge e l'utilizzo del contatore non teneva però in debita considerazione la dimensione dei mulini e delle loro macine.


Sarebbe stato semplice considerare che a parità di giri della ruota, un mulino con una macina grande poteva produrre di più rispetto ad un altro più piccolo, perché come è semplice intuire la dimensione e di conseguenza la capacità produttiva di un mulino ad acqua era in funzione dell'energia "acqua" che lo faceva funzionare.


È del tutto evidente che i pochi corsi d'acqua (fiumi e torrenti) presenti in tutto il centro Sud Italia non sono lontanamente paragonabili a quelli presenti nel Nord del paese, dove i mulini erano molto più grandi e con maggiori capacità produttive.







Fu tutto il Sud Italia ad essere fortemente penalizzato dall'applicazione di questa legge che provocò danni enormi all'attività molitoria, perché i mulini azionati da piccoli flussi d'acqua come (una sorgente) non avevano grandi capacità produttive e per ovviare a questo nei secoli passati ne erano stati costruiti in numero maggiore. Erano Mulini di piccole dimensioni, ma soggetti alla stessa tassazione di altri molto più grandi. Un paradosso a cui i governanti dell'epoca non aveva fatto attenzione. Era ovvio che nel giro di pochi anni fossero destinati alla chiusura.


Colpevole o innocente ?, forse complice. Molti nostalgici pensano che con l'Unità d'Italia del 1861, inizia un periodo di impoverimento delle popolazioni del Sud Italia con la chiusura di molte attività. È passato troppo e non è facile ricostruire i fatti che sono successi. Ma questa storia dei contatori apposti alle macine è documentata sia dalla tassa sul macinato che dall'oggetto in queste foto.


Fu fatto per favorire le industrie del nord a discapito di quelle del Sud ?, nessuno ne avrà mai la certezza come mai nessuno lo potrà escludere del tutto.


Fu certamente un errore tassare i giri della ruota e non il prodotto ottenuto.


In un ipotetico museo dei mulini il contatore dovrà essere esposto nei pressi dell'uscita con la scritta FINE.


168 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti