• Pietro INGENITO

... tesori nascosti

Aggiornato il: 14 apr 2018

Nella Valle, oltre i Mulini ancora visibili (seppur in condizioni di degrado) c'è ne sono altri tre in condizioni anche peggiori, completamente nascosti alla vista che il passare del tempo e lo stato di abbandono in cui versano li sta facendo cadere a pezzi.

Mulino Grasso, Mulino Scomparso è Mulino Porta di Castello di Sotto.

I primi due, si trovano in un luogo impervio e difficile da raggiungere se non percorrendo il torrente e questo ovviamente è possibile solo nei periodi in cui c'è poca acqua.

Il terzo invece è completamente ricoperto dalla vegetazione e per questo motivo non è possibile nemmeno verificare le condizioni in cui si trova al momento.

Difficilmente sarà possibile renderli fruibili ai visitatori senza ripristinare i percorsi originali ormai completamente crollati e un massiccio intervento di pulizia con la rimozione della vegetazione che ormai ha messo radici nelle strutture minandone anche la staticità.

Sono tre mulini su quali più che su altri ci si dovrebbe interrogare sullo stato di abbandono di un patrimonio culturale che in altri posti del mondo sarebbe l'emblema di una comunità.

... dovrebbero essere recuperati e mostrati al mondo per magnificare le capacità tecniche e di ingegno dei nostri avi.
... sono invece in stato di totale abbandono a dimostrazione della colpevole inerzia dei contemporanei.

La civiltà di un popolo è tutta contenuta nel suo passato e il nostro sarebbe da invidiare.

Prima avremo la consapevolezza di essere stati nel corso dei secoli insegnanti e non alunni, prima riusciremo a creare opportunità di lavoro per la nostra città.



0 visualizzazioni